Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il giudice per le indagini preliminari Filippo Serio ha preso atto della scadenza dei termini di custodia cautelare e ha ordinato la liberazione di Giuseppe Di Giovanni, ritenuto il boss mafioso di Porta Nuova a Palermo, al quale è stato imposto il divieto di espatrio e l'obbligo di vivere in un comune che non sia in Sicilia, Calabria e Campania. Di Giovanni non può allontanarsi da casa dalle 17 alle 8 e dovrà presentarsi tutti i giorni nella caserma dei carabinieri dove deciderà di risiedere. Era stato il gup Cristina Lo Bue ad accogliere le eccezioni di nullità sollevate dagli avvocati Rosanna Vella e Giovanni Castronovo. Di Giovanni assisterà a piede libero al processo.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos